Ashaya Delacroix

Description:
Bio:

Ashaya Delacroix cresce in un circo nel Connecticut, orfana, senza sapere nulla della propria famiglia né il motivo per cui è stata abbandonata. Impara presto il mestiere e si esibisce in acrobazie di ogni genere: finché è una bambina resta un gioco, ma crescendo inizia a desiderare di esplorare nuove forme d’arte.
L’artista circense che le fa da padre, Shadow, la incoraggia e le fa conoscere artisti di strada con cui può confrontarsi ed esercitarsi nel campo della pittura, dell’artigianato, della fotografia, della danza e del teatro, per individuare le proprie inclinazioni.
La vita all’interno del circo scorre tranquilla tra spettacoli, studi, cene intorno al fuoco e piccole truffe a danno degli spettatori, fino al giorno in cui si trova a dover derubare una ragazzina della sua età che le assomiglia come una goccia d’acqua e porta il suo cognome: è Helena, sua sorella gemella, che vive lontano da lì con una famiglia benestante. Ashaya sente di appartenere al circo e, troppo piccola e sconvolta dall’incontro per prendere una decisione, la lascia andare via.
-
A sedici anni, spinta dall’espulsione di Shadow dal circo, dal desiderio di ritrovare sua sorella e da un disagio crescente nel vivere tra “freaks” che ricevono più applausi di lei durante gli spettacoli, lascia il circo.
Tira avanti per dieci mesi esibendosi per strada, svolgendo commissioni di ogni tipo grazie alla sua rete di conoscenze, e lavorando per qualche piccolo artigiano che più che altro la accoglie per gentilezza e le dà i soldi per il pane e i vestiti. In seguito viene adottata da una coppia di mezza età piuttosto agiata, che si trasferisce subito dopo nel Massachusetts. L’uomo, un architetto, si accorge della particolare sensibilità artistica di Ashaya e le consiglia di visitare l’Università.
Ashaya entra così in contatto con l’ambiente culturale americano e grazie alle conoscenze del padre riesce a parlare con l’ emerito professor Armitage ed altri suoi colleghi.
L’incontro è a dir poco illuminante e alle sapienti parole dei professori si alternano l’ eleganza classica e maestosa degli ambienti accademici, che catturano profondamente Ashaya.
-
Dopo la visita all’Università però inizia ad essere tormentata da un’irrequietezza completamente nuova, che le provoca con il passare del tempo incubi vividi sempre più frequenti e brevi visioni, durante le quali dipinge, come in trance, sciami di vespe con elementi di anatomia umana.
Il bisogno di liberarsi di questa crescente ossessione, insieme al desiderio di andare più a fondo in un ambito nuovo che schiude davanti ai suoi occhi un’infinità di possibilità artistiche, la costringe a fare ritorno all’Università per contattare nuovamente Armitage.

Carattere
Ha difficoltà a gestire la propria indole insicura e inquieta, e l’unico modo per farlo è reindirizzare le proprie energie nella creatività. Reagisce aggressivamente e irrazionalmente se si sente attaccata. Soffre spesso di solitudine, ma trova sempre un impegno che la distragga. Ha un rispetto e un amore viscerale per la natura e un’ammirazione sconfinata per la sua disarmante bellezza. Tende ad avere fiducia nell’intelligenza del prossimo, e sfiducia nelle sue buone intenzioni.

Ashaya Delacroix

☩ Quei Misteriosi Documenti ☩ mencazable Chiara_